domenica 11 settembre 2022

ROTARY SETTEMBRE: MESE DEDICATO ALL’ALFABETIZZAZIONE ED ALL’EDUCAZIONE DI BASE.


Oristano 11 settembre 2022

Cari amici,

La destinazione rotariana del mese di settembre è orientata a ricordare a tutti i soci sparsi nel mondo le indispensabili funzioni dell’Alfabetizzazione (Literacy) e dell’educazione di base (Basic education), funzioni e azioni che risultano sempre più importanti per liberare il mondo dalla schiavitù dell’ignoranza. Il grande Nelson Mandela affermava che “La cultura e la conoscenza sono indispensabili per garantire uguaglianza tra i popoli e favorire democrazia e pace.”

Uno degli obiettivi fondamentali del Rotary è proprio quello di intervenire per fare quanto possibile per togliere o diminuire la mancata alfabetizzazione. Un’importante parte del mondo, infatti, nonostante gli sforzi fatti finora, continua a manca d’istruzione. Per il Rotary l’aver dedicato il mese di settembre a questo tema, non è stata una scelta casuale: l’UNESCO, infatti, l’8 settembre celebra la Giornata Internazionale dell’Alfabetizzazione, nata per sensibilizzare la Comunità mondiale sulla fondamentale importanza di questo diritto umano.

Le statistiche su questo fenomeno hanno accertato che circa 900 milioni di persone nel mondo non sanno né leggere né scrivere, che 2/3 di questi analfabeti totali sono donne e che circa 100 milioni di bambini in età scolastica, non vanno a scuola. Sono dati terribili! L’analfabetismo incide su tutto. Le persone in questa condizione hanno molte più probabilità di finire in povertà, hanno difficoltà ad affrontare problemi di salute perché non riescono a leggere le prescrizioni mediche, le etichette o le istruzioni dei medicinali: insomma rischiano di restare isolati in un mondo sempre più tecnologico.

Amici, per questo motivo il Rotary e la sua Fondazione continuano a restare fortemente impegnati a sostenere l’istruzione, considerata una delle sei aree prioritarie su cui intervenire, per cercare di alleviare e diminuire gli effetti dello spinoso problema. Le alte professionalità dei rotariani possono fare tanto: fornendo, ove e quando possibile, mezzi e uomini in grado di avviare processi culturali importanti.

Da tempo il Rotary addestra e forma educatori e insegnanti, condivide conoscenze ed esperienze con i professionisti che lavorano con le popolazioni più vulnerabili per la protezione e la tutela dei più deboli, i rifugiati, le ragazze; il Rotary, amici, investe anche nel futuro, assegnando borse di studio agli studenti meritevoli per il potenziale che hanno di incidere nella vita delle loro Comunità. Ogni rotariano deve sentirsi in dovere di avere degli obblighi verso la Comunità globale.

Cari amici, l’impegno dei rotariani in realtà non interessa, al giorno d’oggi solo i Paesi in via di sviluppo. Nella situazione socioeconomica venutasi a creare, con una migrazione di popoli continua e incontrollata, l’alfabetizzazione e l’educazione di base potrebbero interessare anche localmente molti club. Attivarsi per creare gli strumenti atti a promuovere i diritti umani, la parità dei sessi, la multiculturalità e, in piccola parte, anche la risoluzione dei possibili conflitti è sicuramente un passo importante che tutti i club e tutti i rotariani dovrebbero fare.

Cari amici, dopo la pausa estiva, anche il nostro club riprende con vigore la sua attività. I nostri incontri, come ha già comunicato il nostro Segretario esecutivo Marco, in questo mese si riunirà il 16, serata riservata ai soci in forma di Assemblea, per l'approvazione del nuovo Statuto del Rotary, aggiornato con le modifiche apportate dall’ultimo Consiglio di Legislazione (aprile 2022) ed in vigore dal 1° luglio u.s. Dette modifiche sono state inviate ai soci per un esame preventivo prima dell’approvazione. Nella seconda riunione, prevista per Venerdì 30 settembre, la conviviale è aperta ad ospiti e familiari e il nostro Presidente Ireneo farà le sue "Dichiarazioni programmatiche".

Buona ripresa del nostro servizio, cari amici, e, come sempre: BUON ROTARY A TUTTI VOI!

Mario


martedì 9 agosto 2022

UN NUOVO ANNO ROTARIANO HA INIZIATO IL SUO CORSO: UN AVVICENDAMENTO NEL SEGNO DELLA CONTINUITÀ. AGOSTO MESE DEDICATO ALLO SVILUPPO DELL’EFFETTIVO E DI NUOVI CLUB.


Oristano 9 agosto 2022

Cari amici,

Scrivo questa riflessione relativa al caldo mese di Agosto dalla mia residenza estiva, posta nelle vicinanze di Tharros, nel Golfo di Oristano. Nello scorso mese di Luglio anche il nostro club ha provveduto al “passaggio di consegne” tra Adriana Muscas, Presidente dell’A.R. 2021/22 e Ireneo Picciau, Presidente del club per il corrente A.R. 2022/23. Un avvicendamento che il Rotary fin dai suoi albori pratica con cadenza annuale, perché tutti i soci sono deputati al servizio.

Agosto, amici, è certamente il mese più caldo dell’anno, generalmente dedicato al riposo ed alla “rigenerazione” del corpo e della mente, affaticata dal lavoro di tutto l’anno. Agosto, però, proprio perché è tradizionalmente il mese delle ferie, consente anche ad ogni rotariano, seppure in vacanza, di entrare in contatto non solo con gli amici del proprio club ma anche con molti altri, non solo per uno semplice incontro in amicizia ma anche per un comune scambio di vedute e di esperienze. Ebbene, forse anche per questo il R.I. dedica il caldo mese di Agosto allo sviluppo dell’effettivo ed alla possibile nascita di nuovi club. Un’attribuzione non certo casuale, in quanto l’estate facilita gli incontri, spesso più difficili nei mesi di lavoro, e maggiori sono le occasioni di incontrare i possibili potenziali nuovi soci per integrare l’effettivo del proprio club e programmare concrete azioni di servizio.

L’espansione, cari amici, è qualcosa di vitale per ogni Associazione; senza crescita, senza una costante alimentazione, ogni organizzazione è condannata ad estinguersi. Il Rotary è una grande famiglia di professionisti, per cui è ben noto a tutti che ogni struttura collettiva, società o associazione che sia poco importa, senza un effettivo numericamente e qualitativamente solido è destinata a perire. Quando siamo entrati a far parte del nostro club lo abbiamo fatto non solo per condividere e migliorare l’amicizia tra i soci, ma anche per realizzare quegli ideali di servizio già presenti nel nostro DNA e per contribuire col nostro impegno costante a realizzare il grande sogno della pace nel mondo.

Amici, il Rotary ci ricorda la priorità strategica del rafforzamento dell’effettivo e la possibile costruzione di nuovi club nei territori dove la presenza del Rotary potrebbe risultare importante, per cui è dovere di ogni socio Rotary dedicarsi all’incremento dell’effettivo. Ogni club ha il dovere di predisporre un piano di sviluppo che contemperi sia la conservazione dei soci che il reclutamento DI NUOVI. Un club forte e dinamico, radicato nel suo territorio, deve essere un punto di riferimento importante, per la Comunità locale, facendo la differenza.

Amici, dopo aver superato con difficoltà il periodo pandemico, con una ridotta possibilità di incontro e di socialità in maniera costante in presenza, grazie al forte impegno dei Presidenti Ugo Barbiero e Adriana Muscas e dei Consigli Direttivi, il club è riuscito a tenere vivo e attivo il club. inserendo anche diversi nuovi soci. Anche la nascita del Club Interact può essere considerato un investimento per il futuro, unitamente all’avviato club Rotaract che opera con successo. In questo anno che ha preso il via, il nostro obiettivo principale è quello della coesione e dell’impegno di tutti i soci, nessuno escluso, perché ogni socio deve essere protagonista nel club, operando in squadra con gli altri e alla luce del nuovo motto “Immagina il Rotary”, per poter servire sempre meglio chi di noi ha bisogno.

Il motto di quest’anno “Immagina il Rotary”, a mio avviso sta a significare la necessità di “Immaginare nuove proposte”, nuove soluzioni, per costruire nuovi progetti. Come scrive nella sua lettera mensile la 1^ Presidente del Rotary International Jennifer Jones, “…È giunto il momento per il Rotary di fare il prossimo passo per promuovere la Diversità, l'Equità e l'Inclusione (DEI) in tutta la nostra organizzazione. L'adozione di un'esperienza in cui le persone si sentano incluse è molto più che una semplice diversificazione del numero di soci. Si tratta di rendere le nostre riunioni e i nostri eventi luoghi in cui possiamo parlare apertamente e onestamente gli uni con gli altri, dove i nostri soci si sentono benvenuti e al sicuro. Ciò significa eliminare le barriere all'ingresso e aprire le porte all'inclusione. I nostri valori restano la nostra forza e il nostro impegno per l'eccellenza ci impone di mantenere standard elevati anche per i nostri soci”.

Credo, amici, che ci sia poco da aggiungere: per me, che sono rotariano da oltre 30 anni, credo sia davvero la strada giusta da percorrere! Buone vacanze a tutti, cari amici e, come sempre, BUON ROTARY A TUTTI VOI!

Mario

sabato 4 giugno 2022

GIUGNO: MESE DEDICATO “AI CIRCOLI ROTARIANI”, OVVERO QUELLE FELLOWSHIPS ATTIVE NELLE COMUNITÀ SUI PROGETTI DEL ROTARY.


Oristano 4 giugno 2022

Cari amici,

Il fondamento principale del Rotary è senza ombra di dubbio l’amicizia. Amicizia intesa in primis come coesione interna, ma sempre rivolta anche all’esterno, nell’intento di divulgare, far conoscere le nostre idee e i nostri principi e, possibilmente, creare le basi per ulteriori, futuri ingressi nel Rotary. Le Fellowships rotariane sono, a questo proposito, un buon veicolo di amicizia rivolta all’esterno, in quanto capaci di coinvolgere nell’impegno profuso nelle varie azioni portate avanti (che siano esse sportive, hobbistiche o professionali), anche amici non rotariani.

Seppure un Circolo Rotariano non sia da considerarsi uno strumento di cooptazione, l’impegno che unisce rotariani ed amici in una Fellowship, costituisce un buon motivo per migliorare la conoscenza del Rotary, oltre a creare quell’apprezzamento, nei confronti della nostra associazione, che spesso porta, il gradimento espresso da un amico, anche ad una futura cooptazione. Il coinvolgimento di non rotariani in azioni e progetti in favore delle Comunità, infatti, significa portarli a conoscenza del nostro impegno nel mondo, espresso dal nostro motto “Servire al di sopra dell’interesse personale”.

Le Fellowships hanno radici lontane: nacquero, seppur in modo informale, nel 1928, quando un gruppo di Rotariani interessati a fare il primo esperimento, decise di riunirsi in un’associazione. Nel 1947 un gruppo di appassionati di nautica, iniziò ad esporre sulle proprie barche la bandiera del Rotary, e ad utilizzare il nome di International Yachting Fellowship of Rotarians (Circolo internazionale nautico dei Rotariani); ancora oggi questo circolo rappresenta la più antica Fellowship del Rotary. Pur cambiato notevolmente nel tempo, l’obiettivo principale di questi circoli rimane quello di riunire Rotariani e non rotariani in un concreto, vero spirito d’amicizia, fornendo loro degli spazi dove potersi godere le proprie attività professionali o ricreative preferite.

L'ammissione ad una Fellowship è aperta a tutti gli interessati. Le attività si svolgono indipendentemente dal R.I. ma devono essere in armonia con le sue direttive, comprese quelle che regolano l'uso dei Marchi. I circoli non possono essere usati per promuovere credenze religiose, idee politiche o altre organizzazioni. Il riconoscimento ufficiale di un circolo da parte del Rotary non comporta nessun obbligo legale, finanziario o di altro genere da parte del RI, dei Distretti o dei Club. Il circolo non può operare a nome del RI né legittimamente sostenere di essere autorizzato a farlo. Non è un'agenzia del Rotary e deve essere autonomo dal punto di vista finanziario, amministrativo e di altro genere. Deve muoversi nel pieno rispetto delle leggi dei Paesi in cui opera.

Cari amici, Giugno è anche il mese che conclude l’anno rotariano in corso: il 2021/2022. Un anno non certo facile, visto l’accadere di ulteriori problematiche che, sommate a quelle create dal Covid, hanno reso la vita più difficile un po’ a tutti. Anche il nostro club si prepara in questo mese a chiudere in positivo i progetti dell’anno. Mancano ancora all’appello la “ROTARY CORRE” (in calendario sabato 18 giugno) e la premiazione del concorso “GIARDINI FIORITI” (in calendario il 30 giugno). I dettagli sono nella lettera del Segretario.

Amici, è stato indubbiamente, per il nostro club, un anno particolarmente intenso e fruttuoso. Tanti i progetti che Adriana, unitamente al Consiglio Direttivo, ha portato avanti, tra i quali certamente fra i più importanti la costituzione del CLUB INTERACT. Ora il nostro club, forte di oltre mezzo secolo di servizio, può ambire ad altri traguardi, avendo sempre operato concretamente, interpretando al meglio i dettami del Rotary. Un sincero grazie a tutti, in particolare a quei soci e socie che durante l’anno hanno speso le loro energie anche collaborando nell’organico del Distretto.

Adriana, mentre scrivo, si trova negli USA, per partecipare alla Convention del Rotary International a Houston, in Texas, in calendario dal 4 all'8 giugno. Rappresenterà orgogliosamente il nostro club! Poi, venerdì 1° Luglio, noi soci, amici e familiari ci riuniremo per il classico “Passaggio della campana”, che sancisce la fine di un anno e l’inizio di uno nuovo! Un sincero GRAZIE ad Adriana, che lascerà la presidenza a Ireneo, e tanti AUGURI di Buon lavoro a Ireneo ed alla sua squadra! 

Amici, la ruota continua il suo giro! Buon ROTARY a tutti Voi!

Mario

domenica 8 maggio 2022

IL ROTARY DEDICA IL MESE DI MAGGIO ALLE NUOVE GENERAZIONI. L’AZIONE PER I GIOVANI (YOUTH SERVICE MONTH), COSTRUISCE IL ROTARY DI DOMANI


Oristano 8 maggio 2022

Cari amici,

Il Rotary dedica il mese di Maggio alle Nuove Generazioni. Maggio è il mese giusto, quello del risveglio della natura, del rinnovamento: dai vecchi rami esce nuova vita, così come dai rotariani di oggi prenderanno vita i rotariani di domani, utilizzando le giovani e fresche “forze nuove” che proseguiranno quel “servizio” inventato da Paul Harris nel lontano 1905. È in questo mese di Maggio che il Rotary, dunque, invita tutti i rotariani a riflettere sulla “Quinta Via d’Azione”, quella dedicata alle “Nuove Generazioni”, che, adottata definitivamente nel Consiglio di Legislazione nel 2010, ha riconosciuto l’importanza dei giovani, preparandoli ai loro compiti futuri attraverso lo svolgimento corsi per sviluppare le loro doti di leadership e il coinvolgimento nei progetti d’azione e nei programmi di scambio.

Il Rotary crede fermamente in loro, tanto che le recenti novità̀ statutarie hanno avuto una evoluzione alquanto significativa, tale da promuovere la struttura giovanile Rotaract ad avere lo stesso rango di quello del Rotary, ovvero di membro del Rotary International con pari dignità̀. Si, amici, il perfezionamento della Quinta Via di Azione ha rappresentato una svolta epocale nella strategia del Rotary, rafforzando particolarmente i programmi giovanili, in modo tale da contribuire fattivamente alla formazione di una nuova generazione di giovani con sani principi etici, dotati di Leadership e particolarmente dediti al volontariato.

Nel tempo il Rotary ha portato avanti non poche azioni per i giovani: Il RYLA (Rotary Youth Leadership Awards), Il RYPEN (Rotary Youth Program Enrichment), Lo Scambio Giovani, Le Borse degli Ambasciatori, I Centri della Pace del Rotary. Un impegno costante e concreto che ha portato certamente importanti frutti. Il Rotary ha sempre pensato che “Ogni rotariano deve essere un esempio da imitare per i giovani”. Ora che Rotary e Rotaract hanno pari dignità è fondamentale che questa “Partnership” diventi produttiva, nel senso che trai due club ora paritari siano portate avanti iniziative da realizzare insieme: auspicando anche che un numero sempre maggiore di queste scaturisca dalla giovani e fertili menti dei rotaractiani.

Amici, come ha detto prima maggio è il mese del risveglio della natura, e anche per noi, rotariani, rotaractiani e interactiani, credo che dopo il periodo buio della pandemia possa riprendere con rinnovato vigore il nostro impegno. l nostri giovani rotariani, rotaractiani e interactiani anche nel periodo della pandemia sono stati, comunque, attivi e disponibili, dando esempio di resilienza e determinazione, e, impegnandosi in iniziative concrete, hanno saputo tenere alto lo spirito rotariano ed il senso di appartenenza, con encomiabile impegno nonostante la situazione.

Cari amici, l’esperienza che noi rotariani abbiamo maturato in questi anni, lavorando fianco a fianco a tanti giovani del Rotaract e dell’Interact, organizzando Ryla e tanti Scambi, è servita ad accorgerci che i giovani hanno molti punti di forza, hanno la propensione a rimboccarsi le maniche, sanno e desiderano intervenire in prima persona e sanno soprattutto lavorare in armonia con spirito di squadra. Coniugano molto bene "il fare", dove possono impiegare la loro maggiore energia, rispetto "al dare", dove hanno minori possibilità. Insomma, sta a noi farli sentire protagonisti in quello che possono, vogliono e sanno fare!

Amici, alla fine dello scorso mese di aprile si è svolto il Congresso Distrettuale, organizzato a Cagliari dal nostro Governatore Gabriele. Davvero straordinario il Tema del Congresso: “La donna protagonista nella società e nel Rotary”. Le donne rotariane meritano davvero questo riconoscimento! Il nostro club era rappresentato dalla Presidente Adriana, da Silvia Oppo, e da Claretta Boassa. Il nostro club è stato premiato per aver costituito l’INTERACT, la nostra Presidente Adriana è stata premiata come “Charter Member of PolioPlus Society”, per la sua straordinaria dedizione al progetto polio, e il nostro club riceverà presto anche “L’Attestato Presidenziale”.  Che dire, amici, anche quest’anno, grazie in particolare ad Adriana ed al suo C.D., il nostro club si è fatto onore in modo straordinario! 


Grazie amici della Vostra sempre gradita attenzione e, come sempre “Buon Rotary” a tutti Voi!

Mario

 



 

sabato 2 aprile 2022

APRILE ROTARY: MESE DEDICATO ALLA SALUTE MATERNA E INFANTILE.


Oristano 2 aprile 2022

Cari amici,

Per parlare del tema del mese ho scelto una delle frasi celebri pronunciate dal Mahatma Gandhi: “It is health that is real wealth and not pieces of gold and silver”, che tradotta in italiano significa che ‘la vera ricchezza è la salute e non i pezzi d’oro o d’argento’. Indubbiamente un concetto di grande spessore, che il Rotary, per il suo valore, ha adottato da tempo facendone uno degli obiettivi da raggiungere. Operare per salvaguardare “La salute materna e infantile” significa invitare tutti i rotariani del mondo ad operare in questa direzione, ed il Rotary International ha scelto il mese di Aprile, il mese del risveglio primaverile, perché è quello che rigenera e prepara alla nuova vita.

Il Rotary, dopo aver richiesto ai rotariani l’impegno del mese di Marzo, dedicato all’acqua ed alle strutture igienico-sanitarie. nel corrente mese di aprile ci chiama a riflettere e operare per migliorare la salute materna ed infantile, considerata alquanto precaria in molte zone del pianeta. È innegabile quanto il Rotary è riuscito già ad ottenere nel mondo per migliorare lo stato di diverse Comunità sofferenti per l’impatto di problematiche davvero importanti. La sicurezza nel parto, le vaccinazioni e non solo, l’igiene nell’allattamento, sono esigenze indifferibili, che creano situazioni di altissimo rischio. Ebbene, grazie ai progetti portati avanti dai Club Rotary operanti nel mondo, oltre all’impegno personale di tanti medici rotariani, si sono già avuti significativi miglioramenti.

Amici, la sensibilità rotariana verso le famiglie e i più piccoli come sappiamo è ben nota, a partire dalla lunga campagna messa in atto per l’eradicazione della poliomielite, malattia che colpisce soprattutto i bambini provocandone la morte o una condizione di invalidità che condiziona per tutta la vita l’esistenza del bambino colpito e della sua famiglia; campagna che se Dio vuole sta per arrivare al termine. Ma le pestilenze nel mondo purtroppo continuano, non ultima la pandemia scatenata dal Covid, che ha colpito anche nelle aree più deboli del pianeta, come l’Africa, l’America meridionale e il Sud-Est asiatico, popolazioni che non dispongono delle risorse sufficienti per l’acquisto dei vaccini.

Il Presidente Internazionale quest’anno col suo progetto “Empowering girls” si è voluto impegnare in prima persona su una iniziativa mirata a potenziare le capacità delle donne, in particolare delle ragazze. Ha ritenuto che era necessario occuparsi dei bisogni e delle disuguaglianze che le ragazze di tutto il mondo affrontano quotidianamente, ponendo al centro dei programmi del Rotary i bisogni delle ragazze, delle donne e delle mamme, che necessitano di aiuto e assistenza.

Quest’anno, poi, con l’arrivo di decine di migliaia di donne e di bambini provenienti dall’Ucraina per fuggire dalla guerra e dai bombardamenti, questo tema è diventato drammaticamente attuale; un dramma umano ed esistenziale di proporzioni immani! La Rotary Foundation ha impegnato per l’Ucraina il Fondo di risposta ai disastri, dando ai Distretti la possibilità di fare dei Grant urgenti dedicati. Il Governatore del nostro Distretto, unitamente ai Governatori dei Distretti della zona 14, ancora una volta in piena intesa, hanno versato sul Fondo di risposta ai disastri della Fondazione Rotary 10.000 dollari dei FODD. Il simbolico assegno di 140.000 dollari è stato consegnato al Presidente del Rotary International Shekhar Mehta, in occasione della Conferenza Presidenziale di Venezia.

Cari amici, in questo mese di Aprile, come da lettera del nostro Segretario Nando, ci incontreremo:

- VENERDÌ 8 aprile alle ore 20,30 presso il Mistral Due, conviviale solo soci. Adriana illustrerà le iniziative finora portate a termine, tra cui il “Progetto Apicultura”, realizzato con i club di Alghero, Bosa e Macomer, che, con l’intervento del Distretto, tende a rivitalizzare il monte di “Badde Urbara” in parte distrutto dai roghi che hanno interessato anche gli allevamenti di  apicoltura. I paesi del circondario saranno coinvolti nel progetto con corsi di formazione relativi alla materia. Ogni club parteciperà con un contributo di € 1.000 e il distretto con € 7.000. Un altro progetto di “Aiuto alimentare” è stato varato con l’istituzione di buoni spesa da € 30 cadauno (100 il club e 30 offerti dalla ditta Ibba) che verranno distribuiti alle Parrocchie di S. Efisio (40), Cappuccini (50) San Paolo Apostolo (40) e destinati alle famiglie bisognose.

- VENERDI’ 22 aprile alle ore 19.00 presso il Mistral Due, incontro aperto a familiari e ospiti, con la presentazione delle opere letterarie del Presidente Incoming Ireneo Picciau. Al termine è prevista un’Apericena per tutti i partecipanti. Infine, è in atto, già approvato dal Consiglio Direttivo, un progetto presentato dal Presidente Incoming Ireneo, relativo al coinvolgimento del nostro club per l’acquisto di BICI/TANDEM da donare all’Associazione Onlus che si occupa di bambini autistici. Il costo di ogni bici è di € 1.400. La manifestazione si svolgerà presso un Hangar dell’aeroporto di Fenosu il 27 maggio 2022. Altra nota lieta è che quest’anno viene ripristinata, dopo la pandemia, la manifestazione sportiva “ROTARY CORRE”, che si svolgerà presumibilmente entro la fine di giugno 2022.

Prima di concludere, ricordo a tutti l’appuntamento per il “Congresso Distrettuale”, in programma per il 29 e 30 aprile a Cagliari dedicato dal Governatore Gabriele Andria al tema “La donna protagonista nella società e nel Rotary”. Un affettuoso saluto a tutti, con l’augurio a tutti Voi e alle Vostre famiglie, di una serena Santa Pasqua, e la speranza che la colomba della pace possa volare presto su tutto il mondo!

Come sempre, amici, Buon Rotary!

Mario

 

giovedì 3 marzo 2022

MARZO ROTARY: MESE DEDICATO ALL’ACQUA E ALLE RELATIVE STRUTTURE IGIENICO-SANITARIE.


Oristano 3 marzo 2022

Cari amici,

Il Rotary International nel ricordare, mese per mese, ai rotariani di tutto il mondo il focus dei problemi esistenti nel mondo per stimolarli ad intraprendere le varie azioni di servizio, dedica il mese di MARZO all’acqua, alle strutture igienico sanitarie, all’educazione e all’igiene, che costituiscono gli elementi basilari per una vita sana e dignitosa. Purtroppo, nel mondo sono ancora presenti enormi difficoltà di approvvigionamento di acqua potabile e delle conseguenti, necessarie strutture igienico-sanitarie, tali da costituire uno dei maggiori problemi sanitari esistenti al mondo e uno dei più difficili da risolvere.

Le impietose statistiche relative alla disponibilità di acqua potabile evidenziano che oltre 2,5 miliardi di persone nel mondo non dispongono di sufficiente acqua potabile e delle strutture igienico-sanitarie collegate; di questa immensa schiera, quasi 800 milioni di persone sono ancora costrette a bere acqua malsana, impura, causa di molte malattie, in particolare infantili. I terribili dati evidenziano che oltre 1.400 bambini muoiono ogni giorno a causa di malattie dovute alla mancanza di acque pulite e di servizi igienici.

Acqua pulita, strutture igienico sanitarie ed educazione all’igiene sono elementi basilari per una vita più salutare e produttiva. Quando i bambini hanno accesso all’acqua pulita e alle strutture igienico-sanitarie, il numero di malattie trasmesse attraverso l’acqua diminuisce, i bambini vivono in buona salute e non devono assentarsi spesso dalla scuola e le loro madri possono spendere meno tempo per procurarsi l’acqua. Il Rotary da tempo ha messo in campo le sue risorse per cercare di migliorare il problema; lo fa stimolando i club a impegnarsi in programmi idrici, servizi igienici e igiene (WASH), creando e mobilitando risorse, formando partnership e investendo in infrastrutture e formazione, tali da produrre cambiamenti a lungo termine.

Il Rotary sta operando in questa direzione da decenni, in particolare attraverso gli oltre 1000 progetti WASH sovvenzionati dalla Rotary Foundation; progetti che consentono alle popolazioni meno fortunate il rifornimento di acqua pulita scavando pozzi, allestendo fognature, fornendo filtri e installando servizi igienici. Ma è sempre una goccia in un mare di situazioni, che, per essere efficienti anche in futuro, debbono necessariamente coinvolgere la popolazione locale.

Cari amici, il nostro grande braccio operativo nel mondo, come sappiamo, è la Rotary Foundation. Anche quest’anno, pertanto, non facciamo mancare il nostro sostegno, perché, se ci sentiamo davvero “rotariani dentro” è attraverso questa nostra struttura operativa che possiamo dare maggior valore alle nostre azioni di servizio! Facendo squadra, unitamente agli altri club sparsi nel mondo, tutti abbiamo il dovere di portare il nostro contributo per dare acqua potabile a chi non l’ha, e conseguentemente migliorare le condizioni di vita di molti popoli e soprattutto dei loro bambini.

Prima di chiudere, amici, voglio esternare tutta la mia gioia per la recente nascita dell’INTERACT club di Oristano, che si aggiunge al ROTARACT, da noi in precedenza costituito. Il nuovo club, patrocinato da noi e dal club Rotaract, lunedì 28 febbraio, è stato ufficialmente costituito alla presenza del Governatore Gabriele Andria, dei PDG Luciano Di Martino e Pier Giorgio Poddighe, e di diversi componenti della struttura distrettuale, oltre a rappresentanti dei club Rotary e Rotaract della Sardegna. Presente l’RD incoming dell’Interact 2080 Alessandro Melis. Il PDG Pier Giorgio Poddighe, nel corso della cerimonia, ha consegnato la 6^ PHF alla nostra Presidente Adriana, per il suo costante e straordinario contributo dato alla Rotary Foundation! Tanti Auguri, Adriana!

Nel corso della partecipata cerimonia, che festeggiava il 54° compleanno del club e i 117 anni del Rotary, il Governatore Gabriele Andria ha messo al collo della Presidente del neonato club Interact, Eleonora Foddis, il Collare di Presidente, consegnandogli la “Carta Costitutiva”; al suo fianco i primi 15 soci del club, festeggiati in particolare dai soci Rotaract. Il club è composto da ragazzi e ragazze di età compresa tra i 12 e i 18 anni, che da subito si sono dimostrati affiatati e volenterosi di impegnarsi con i ragazzi del Rotaract (hanno già partecipato alla Befana delivery, evento Rotaract organizzato in occasione dell’epifania, preparando dei fantastici dolcetti). Saranno linfa vitale per rinforzare, tempo per tempo, prima il club Rotaract e poi quello Rotary.
La bella giornata di festeggiamenti si è ulteriormente arricchita con l'ingresso di 2 nuovi soci che rafforzano l'organico del club: il prof. Sergio Vacca, che ha avuto come madrina d'ingresso Elisabetta Falchi e Fabio Melis, Presidente del Rotaract, presentato da Ugo Barbiero.  A loro i migliori AUGURI!

Amici, il futuro del Rotary è riposto nelle nuove generazioni: l’investimento migliore è senz’altro quello di far crescere i club Interact e Rotaract, fucine di formazione dei futuri rotariani!

Come sempre, amici, “Buon Rotary” a tutti Voi!

Mario